che giornata

ciao a tutti, che giornata ragazzi lavoro, lavoro e ancora lavoro, ma nonostante tutto il tempo per portare avanti un progetto molto molto carino l’ho trovato.Adesso lo sto ultimando nel pomeriggio ho acquistato i bottoni , un po’ di rifiniture e prestissimo ve lo faro’ vedere.Una bella sorpresa.

Ho in mente di fare un portacalze per noi donne. Sapete quanto disordine regna nel cassetto delle calze, almeno nel mio, collans sparpagliate dappertutto.

E allore l’idea, appena pronta la pubblico.

Vi stavo dicendo che giornata ragazzi, stamattina ho fatto anche 30 biscottoni di pastafrolla.Facili da fare ma occhio alla temperatura> La prima infornata infatti mi e’ scappata di poco e i biscotti si sono un po’ scuriti. Nulla da buttare pero’, non si butta nulla quelli me li mangio io per i clienti li ho rifatti e temperatura 180 gradi risultasto perfetto e buonissimi.

Infatti pensavo che anche a casa con un po di frolla fatta da noi potremmo farci dei meravigliosi biscotti nei quali almeno sappiamo cosa mettiamo. Ma una cosa per volta ho appena iniziato non corriamo troppo, vado a dormire un bacione a tutti.Foto-0097

Perche’ il Sogno di Nicolo’?

Questa storia nel mio cuore ha inizio quando dopo i 35 anni  mi dico:

A 40 anni faccio un altro figlio e mi rado i capelli corti(li ho lunghi da che sono nata). Compio 40 anni e come per magia rimango incinta, non vi dico la gioia la felicita’ e’ alle stelle, tutto procede bene fino a quando a cinque mesi il sogno svanisce.Si sarebbe chiamato Nicolo’ed e’ per questo che ho sempre pensato che prima o poi avrei fatto qualcosa di tangibile per Lui.

Ed ecco quindi a voi “Il sogno di Nicolo'”    Dopo questa esperienza ho comunque preso un bellissimo cagnone di nome Biagio che mi ha dato tantissimo amore e poi Arturo che ancora mi ricopre di amore e che ha rapito il cuore di Pergolato mio marito e pensare che non lo voleva.

Di cosa trattera’ Il sogno di Nicolo’?

Mi piace lavorare all’uncinetto, fare lavori manuali,inventare qualunque cosa che rimanga e che faccia piacere avere.L’uncinetto una passione nata quando ero piccola in collegio.Le suore ci facevano fare ore di applicazioni tecniche,.questa materia consisteva nel fare lavori di ricamo, lavori a maglia, all’uncinetto, agli aghi. Ho imparato tantissime cose si facevano maglioni,cuscini, pattine,coperte, si bordavano le tavaglie di lino

.Poi basta, ci si sposa si diventa mamma passano gli anni e non si fa piu’ nulla, fino a quando un giorno Lussi la ragazza di mio figlio mi chiede di aggiustarle una presina per pentole, e da li e’ rinata la mia passione, una passione che mi coinvolge e che insieme a voi voglio condividere. Non mi sembra vero ci provo un bacione a tutti